Hanno detto

155

Chi educa alla fede non può rischiare di apparire una specie di clown, che recita una parte ‘per mestiere’. Piuttosto – per usare un’immagine cara a Origene, scrittore particolarmente apprezzato da Ambrogio – egli deve essere come il discepolo amato, che ha poggiato il capo sul cuore del Maestro, e lì ha appreso il modo di pensare, di parlare, di agire. Alla fine di tutto, il vero discepolo è colui che annuncia il Vangelo nel modo più credibile ed efficace

(Giovanni Paolo II)