venerdì, Agosto 7, 2020

Seguici anche su Facebook

1,552FansLike
Home Blog Prima pagina “Fratelli e sorelle .… buonasera!”

“Fratelli e sorelle .… buonasera!”

Vi ricordate?

Era il 13 marzo di sette anni fa quando l’Arcivescovo di Buenos Aires (Card. Jorge Mario Bergoglio) venne eletto Papa scegliendo il nome “Francesco”. E la prima frase che disse al mondo fu proprio questa: “Fratelli e sorelle… Buonasera!”.

Si presentò anzitutto come semplice “Vescovo di Roma” e invitò subito a fare una preghiera (Pater, Ave e Gloria) per il “papa emerito Benedetto XVI” e prima di dare la sua prima benedizione papale chiese a tutti un attimo di silenzio “perché il popolo chieda al Signore, nella preghiera, la benedizione per il suo Vescovo”.

Nei giorni scorsi, tanti hanno mostrato, scritto e parlato (e “sparlato”) di un momento di impazienza di Papa Francesco, mentre si trovava tra la folla in piazza San Pietro, strattonato da una fedele. Poi il Papa, il giorno dopo, all’Angelus ha chiesto scusa, secondo il suo stile, perché “tante volte perdiamo la pazienza”.

Credo che una delle rivoluzioni più importanti che Francesco abbia portato sia proprio la normalità.

Sì, abbiamo un papa normale: se perde la pazienza per uno strattone ricevuto lo fa davanti a tutti e poi chiede scusa. Se muore una sua amica prende la macchina e va al suo funerale, come è accaduto proprio in quei giorni, in una parrocchia di Roma, in occasione delle esequie di una sua amica professoressa.

Un Papa che affacciandosi per la prima volta davanti al mondo augura “Buonasera” ed invita a fare in silenzio una preghiera al Signore perché lo benedica e lo accompagni. Un Papa che all’Angelus domenicale immancabilmente ci chiede di pregare per lui e non dimentica di augurarci “Buon pranzo!”. Un Papa che…

Ma perché questa semplice normalità dà così tanto fastidio e disturba?

Non sono un esegeta ma mi piace la risposta di Gesù proprio ai “suoi” discepoli che gli chiedevano (guardate un po’ come non si cambia mai !?!) “chi fosse il più grande nel regno dei cieli?”… Gesù risponde: “Se non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli” (Mt 18, 1-5).

Buon Anno a tutti!

All’insegna della normalità evangelica.

 

Don Massimo

Altri articoli

9 agosto: diretta S. Messa ore 10.00 in occasione della festa S. Fermo

Attenzione: In occasione della festa di S. Fermo il 9 agosto sarà trasmessa in diretta la S. Messa delle ore 10.00...

Cresime e Prime Comunioni

Iniziando a settembre un nuovo anno pastorale vi ricordiamo le date per le prossime Celebrazioni della Cresima e delle Prime Comunioni (già...

Forti, certi e felici

Sì le nostre Scuole dell’Infanzia “Don Aurelio Vismara” e “Don Ambrogio Verderio” FORTI di una lunga Storia, CERTI dell’impegno e FELICI di...

Vi sposate nel 2021?

La Comunità Pastorale, come ogni anno, programmerà un percorso in preparazione al Matrimonio cristiano per quelle coppie che intendono unirsi in Matrimonio...

A settembre ben 32 battesimi

Nel mese di settembre e fino alla metà di ottobre, abbiamo in programma nelle nostre tre Parrocchie ben 32 celebrazioni di Battesimi.

Infonda Dio sapienza nel cuore

Si può evitare di essere stolti E’ la proposta pastorale dell’Arcivescovo, monsignor Mario Delpini,...