per il SABATO SANTO

339

E’ stato, o Maria, un giorno terribile quel sabato santo.

Gesù nella tomba; Dio è morto!

I nemici cantan vittoria, il male prevale sul bene:
gli apostoli se la squagliano tutti, i discepoli dicono: “Speravamo!”. Il bel sogno è finito.

Tu lo sai che ogni giorno è sabato santo.

Dio tace, latita, sembra estromesso e sconfitto da questo mondo: la violenza e l’ingiustizia ribollono.

Il grido del povero è soffocato; schernito è il sospiro del giusto:
fare il bene diviene una beffa!

Dense tenebre coprono ancora la terra.

Ma tu, o Madonna del sabato santo, sei là, trepidante
in attesa di un alba. Tu credi che Dio è Dio,
tu speri che alla fine riabiliti e vinca, tu attendi la risurrezione
e la vita: tu sei la Madonna della Speranza.

“Io ho vinto il mondo”,
ci disse Gesù.

Fa’, o Maria, che io non disperi mai
della vittoria del bene sul male,
della vita sulla morte, di Dio sul mondo. E lo proclami agli uomini
assetati di speranza.

Come te, o Vergine,
che io porti Cristo, luce del mondo,
per rischiarare il cammino mio e dei fratelli, in questa valle d’esilio,
verso la patria eterna.

Amen.