Affidamento a Maria

478

Ogni aspetto della formazione sacerdotale può essere riferito a Maria come alla persona umana che più di ogni altra ha corrisposto alla vocazione di Dio, che si è fatta serva e discepola della Parola sino a concepire nel suo cuore e nella sua carne il Verbo fatto uomo per donarlo all’umanità, che è stata chiamata all’educazione dell’unico ed eterno Sacerdote fattosi docile e sottomesso alla sua autorità materna.

Con il suo esempio e la sua intercessione, la Vergine Santissima continua a vigilare sullo sviluppo delle vocazioni e della vita sacerdotale nella Chiesa.

Per questo i sacerdoti sono chiamati a crescere in una solida e tenera devozione alla Vergine Maria, testimoniandola con l’imitazione delle sue virtù e con la preghiera frequente.

(Giovanni Paolo II)

Madre di Gesù Cristo
e Madre dei sacerdoti,
ricevi questo titolo
che noi tributiamo a te
per celebrare la tua maternità
e contemplare presso di te
il sacerdozio
del tuo Figlio e dei tuoi figli.

Madre di Cristo,
al Messia Sacerdote hai dato
il corpo di carne
per l’unzione del Santo Spirito
a salvezza dei poveri e contriti di cuore,
custodisci nel tuo cuore e nella Chiesa i sacerdoti.

Madre della fede,
hai accompagnato al tempio il Figlio dell’uomo,
compimento delle promesse date ai Padri,
consegna al Padre per la sua gloria
i sacerdoti del Figlio tuo.

Madre della Chiesa,
tra i discepoli nel cenacolo
pregavi lo Spirito
per il popolo nuovo
ed i suoi Pastori,
ottieni all’ordine dei presbiteri
la pienezza dei doni.

Madre di Gesù Cristo,
eri con Lui agli inizi della sua vita
e della sua missione,
lo hai cercato Maestro tra la folla,
lo hai assistito innalzato da terra,
consumato per il sacrificio unico eterno,
e avevi Giovanni vicino, tuo figlio,
accogli fin dall’inizio i chiamati,
proteggi la loro crescita,
accompagna nella vita e nel ministero
i tuoi figli,
Madre dei sacerdoti.

Amen!

 

(Giovanni Paolo II)