CDR, grazie di esistere!

37

Lunedì, con l’inizio delle lunghe vacanze, si entrerà nel vivo dell’Estate cassinese con l’avventura della Città dei Ragazzi (o meglio, la mitica CdR!).

Un’esperienza che dire “unica” non è affatto un’esagerazione! Quattro settimane intense, da lunedì a venerdì, dal mattino al tardo pomeriggio, in due Oratori della nostra Comunità Pastorale, con più di un migliaio di bambini, ragazzi e adolescenti e un centinaio di Adulti Volontari a servizio di una estate aggregativa, formativa, divertente e (speriamo!) indimenticabile come lo è sempre stata.

Negli anni, guardando alle varie edizioni della Cdr, mi piace sottolineare e mettere in evidenza come davvero il Progetto Educativo Estivo della nostra Comunità Pastorale sia una concretezza di quell’invito che Papa Francesco continua ad offrirci, sempre, con paterna insistenza: essere una Chiesa in uscita.

E (attenzione!) ciò avviene non solo perché non si è fisicamente tra le mura di una Chiesa a vivere l’Estate, ma soprattutto perché la condivisione del cammino (di ben quattro settimane) è con tutti e la partecipazione è aperta a tutti (senza alcuna esclusione o selezione).

Questo è il bello della Cdr! Questa è la gioia della nostra Comunità! Questo è il volto della Chiesa!

Permettetemi di rivolgere una parola a tutti i protagonisti di questa imminente avventura.

Ai bambini: divertitevi, imparate a stare insieme con tutti e soprattutto fidatevi di chi si prende cura di voi.

Ai ragazzi: siete i “fratelli” maggiori, sappiate cogliere il valore e il messaggio della Cdr e vivetelo.

Agli animatori: questa, alla vostra età, forse è una delle “poche” esperienze di servizio che segnerà la vostra vita. Mettetevi in gioco, con impegno ed entusiasmo (vostra potenzialità).

Ai volontari: siete preziosi per il servizio che fate ma soprattutto per la vostra presenza che diventa il volto, la parola e l’esempio di un adulto (papà, mamma, nonno…) per tutti i partecipanti alla Cdr. E oggi, ne abbiamo bisogno di “esempi” contagiosi in positività nell’accompagnare le nuove generazioni.

Al seminarista Stefano: avrai modo, da domani, di vivere tanti momenti insieme a noi, qui a Cassina, prima del tuo Diaconato. Sono sicuro che riceverai tanto ma altrettanto certo che sarai tu stesso un dono per tutti.

A don Bangaly: ti sono affidati, all’Oratorio di Camporicco, i più piccolini della CdR ma non per questo meno impegnativi, anzi. Senz’altro la pazienza e la presenza attenta non ti mancano in questa avventura.

A don Fabio: grazie di esserci con il tuo giovane entusiasmo e con la tua singolare umanità che, in questa Comunità, è sempre un valore aggiunto a ciò che proponi, segui e fai. Grazie infinite!

Alla nostra Comunità Pastorale: dobbiamo essere orgogliosi per la realtà della Città dei Ragazzi. Custodiamola, vogliamole bene, sentiamola sempre nostra (anche se non abbiamo figli o nipotini che vi partecipano), sosteniamola con la stima e (perché no?) anche con la preghiera perché l’attenzione, la cura, il volto di questa Chiesa che offriamo porti sempre frutto nello stare e camminare insieme.

A me stesso: «In ogni cosa rendete grazie, poiché tale è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi»
(1 Tessalonicesi 5,18)

Carissima CdR, grazie di esistere!

Don Massimo