Karate

243

Nel mese di settembre molti genitori sono impegnati nella ricerca di una attività sportiva adatta alla crescita fisica ed educativa dei propri figli. Ad alcuni di loro nasce la strana idea di fargli provare il KARATE… ma fate molta attenzione, il KARATE può condizionare profondamente il futuro dei vostri figli!!!

Se siete davvero convinti e li portate sul tatami, non dovranno solo imparare le tecniche del KARATE, ma si troveranno in un ambiente che potrebbe influenzare profondamente le loro scelte e le loro abitudini future.
Impareranno cose che non sempre coincidono con i comportamenti richiesti in questa vita sociale e che quotidianamente osserviamo.


Il KARATE e gli Insegnati Tecnici dell’Arcobaleno cercheranno di insegnargli cose come il RISPETTO per gli avversari e il RISPETTO delle regole. Dovranno persino imparare molte altre cose strane come:
• Accettare le scelte dell’arbitro e dei giudici di gara
• Non potranno fingere per fare in modo di dare una penalità all’avversario, e addirittura in caso di contatto, (perché comunque i combattimenti si svolgono sempre con il pieno controllo delle tecniche) non dovranno fingere di avere subito il colpo
• Impareranno anche a SOSTENERE sempre i propri compagni
• AIUTARE le persone più deboli
• SALUTARE GLI AVVERSARI e i loro ALLENATORI alla fine di ogni combattimento indipendentemente dal risultato
• Impareranno a comunicare e a relazionarsi con il prossimo, perché in questo strano sport che tutti pensano sia individuale, per migliorarsi ci si allena con i compagni; abbiamo la assurda idea di insegnare che NON SI PUÒ VINCERE DA SOLI ma TUTTI INSIEME come una SQUADRA
• Impareranno anche altre strane cose come non lamentarsi per ogni piccolo dolore, perché la vita è fatta anche di dolore
• Impareranno a cadere e rialzarsi subito perché un vincente non è chi conquista le medaglia ma è colui che tutte le volte che cade si rialza e non si arrende mai
• Impareranno a riconoscere e lottare contro le proprie paure e a superarle senza nascondersi dietro scuse, giustificazioni o alibi

La scuola del karate Arcobaleno non si ferma solo all’insegnamento della pura pratica del karate, ma comprende importanti iniziative finalizzate a un unico obbiettivo: sviluppare e migliorare aspetti motori e caratteriali degli iscritti incoraggiando uno stile di vita sano, nel rispetto e nell’equità, mettendo «la persona al centro».

Il coach si trasforma dunque in punto di riferimento, centro per la diffusione di valori educativi e formativi, con il quale si affrontano temi come il bullismo giovanile o la droga negli adolescenti, rendendo la palestra luogo d’incontro dove creare sane e durature amicizie.

Il karate racchiude in sé una serie di elementi fondamentali per lo sviluppo armonioso delle competenze socio-cognitive, la nostra metodologia porta a interagire nel gruppo con rispetto e tolleranza, sviluppando un pensiero comunque autonomo supportato dalla figura del Sensei (maestro). La scelta del kimono ha un risvolto psicologico importante: l’uguaglianza sociale. Piccoli aspetti che introducono i ragazzi a una dimensione diversa: il vero valore sta nella ricerca interiore, nella correttezza, nella solidarietà e nella capacità di mettersi in gioco e non mollare mai ; partecipazione a gare regionali e nazionali e organizzazione di campus estivi al mare e in montagna sono altri aspetti della nostra grande famiglia!

Seguici su: Facebook